EMILIO SCANAVINO
 
MIMMO ROTELLA
 
PAOLO BARATELLA
 
OMAR GALLIANI
 
SANDRO CHIA
 
EMILIO VEDOVA
 
LE OPERE
 
LA BIOGRAFIA
 
 
BEN VAUTIER
 
GLI ALTRI AUTORI

 

 

 
 
 

 

 

EMILIO VEDOVA

LA BIOGRAFIA

Home - Emilio Vedova

 
 

Emilio Vedova muore a Venezia all'età di 87 anni, a poco più di un mese dalla scomparsa della moglie, Annabianca.

Nato a Venezia nel 1919, Emilio Vedova inizia a lavorare da autodidatta intensamente, dagli anni
Nato a Venezia nel 1919, Emilio Vedova inizia a lavorare da autodidatta intensamente, dagli anni '30. Giovanissimo, nel 1942 aderisce al movimento antinovecentista “Corrente”.

Negli anni 1944-45 partecipa alla Resistenza. Nel biennio 1946-47 è tra i firmatari del manifesto “Oltre Guernica” a Milano (2 maggio 1946). È tra i fondatori della “Nuova Secessione Italiana”, poi “Fronte Nuovo delle Arti”, a Venezia (1 ottobre 1946). Ne esce nel 1948 con violento intervento contro il Neorealismo imposto: mostra “Alleanza della cultura” a Bologna. Per brevissimo periodo aderisce al Gruppo degli Otto (con Afro, Birolli, Corpora, Santomaso, Morlotti, Moreni e Turcato) di Lionello Venturi. Se ne dissocia con una dichiarazione pubblica, in Convegno Alta Cultura, alla Fondazione G. Cini, 1953.

Dal 1945 il suo studio è a Venezia; passa poi alla Punta della Dogana Dorsoduro 46 dove realizza i primi “plurimi”: i “veneziani” nel 1962-63.

Dalla fine del 1963 a metà del 1965 è a Berlino, ospite del Senato per Arti e Scienze, D.A.A.D. e nel suo grande atelier al Grünewald realizza la serie dei grandi plurimi berlinesi 1963-65, sette dei quali, l’“Absurdes Berliner Tagebuch ‘64”, verranno esposti a Documenta III - Kassel 1964, con risonanza internazionale clamorosa.

Inizia intensa attività didattica dal 1965 con una serie di lectures, in Università, Accademie e Istituzioni Culturali in USA e in Mexico, 1965-66 e anni '80. All’Internationale Sommerakademie, Salzburg, 1965-1969 e ancora nel 1988. Docente all’Accademia di Belle Arti di Venezia, 1975-1986.

Nel 1977 realizza i “plurimi-binari” dei Cicli “Lacerazione” e subito dopo il ciclo dei “…Cosiddetti Carnevali…”. Ancora con Nono nel 1984, per la prima mondiale dell'opera Prometeo, realizza “interventi-luce” nella struttura scenica di Renzo Piano: ex-chiesa di San Lorenzo. Nel 1985-86 i cicli dei grandi “Dischi”, “Tondi” e "Oltre", nel 1987-88 il grande Ciclo “… in continuum…” Negli anni '89-'90 lavora ai Monotipi, nei Workshop Garner Tullis, Santa Barbara e a New York. E, nei laboratori Studios Littleton, North Caroline, alle Vetrografie, 1990.

Nel 1997 riceve il “Leone d’oro all’opera” in occasione della XLVII Esposizione Internazionale d’Arte la Biennale di Venezia.

Nel 2003 riceve il Premio Nonino.

Nel 2004 dona i 7 plurimi dell’ “Absurdes Berliner Tagebuch ‘64” alla Berlinische Galerie, Museo della Città di Berlino.

Nel 2006 realizza un ciclo di Monotipi in collaborazione con Sandro Rumney nipote di Peggy Guggenheim.

Muore a Venezia nel 2006 all'età di 87 anni, a poco più di un mese dalla scomparsa della moglie, Annabianca.9


 

 

le opere di Emilio Vedova »

 

 
SOAVE ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA -Alessandria, via S.Francesco d'Assisi 20
P.IVA: 02193950066 - Tel. 0131 444545 - Fax: 0131 444545 - info@soavearte.it